Arredare la casa nuova in stile scandinavo

Dal punto di vista dell’interior design, traslocare in una nuova casa ti potrà offrire l’opportunità di esplorare nuovi stili e nuove soluzioni. Potrai dover progettare l’arredamento totalmente da zero, oppure riadattare e riorganizzare i mobili già presenti. Nella maggior parte dei casi, ti troverai a dover fare spazio nella nuova casa ad oggetti e ricordi che hai già, ma non ti dimenticare di lasciare posto anche per quelli futuri.

Una volta scaricate le ultime scatole, potrai iniziare con la parte più divertente e creativa: scegliere i mobili e progettare gli spazi.

Lo stile scandinavo, ti può dare una mano e fornirti molti spunti che ti potranno essere utili a rendere fin da subito la tua casa accogliente.Il design nordico ha preso sempre più piede anche in Italia, a partire dagli anni ‘50. È basato sulla semplicità e la praticità, adatto quindi alla vita di tutti i giorni e accessibile economicamente a tutti.

 

 

Se vuoi inspirarti a questo tipo di design, sicuramente dovrai dare un grande spazio al legno negli elementi strutturali, ma anche nella scelta dei mobili. Immagina un ambiente con travi originali a vista, un parquet, magari di legno grezzo, da abbinare a tappeti e tessuti avvolgenti, che si mantengano su tinte chiare.

Creare la giusta atmosfera è fondamentale, in particolare giocando con l’illuminazione, che dovrà essere concepita a seconda dello scopo delle diverse stanze. Scegli luci soffuse per l’ingresso, in modo da rendere più dolce il rientro a casa e rilassanti per il salotto. In questo modo, potrai avere un ambiente davvero hygge, termine danese che significa letteralmente “sentirsi soddisfatto” e indica la possibilità di trarre piacere dalle piccole cose. Il “manifesto” relativo a questa filosofia, indica otto principi da seguire, tra cui appunto l’utilizzo di una illuminazione che sia più naturale possibile, simile a quella delle candele.

Tra le altre indicazioni, viene data importanza alla capacità di apprezzare il momento presente, prendendosi una pausa da mail e messaggi, ma in generale da tutti i device elettronici, e di godere dei piccoli piaceri, come una tazza di tè insieme ad una fetta di torta.

 

Le altre linee guida sottolineano l’importanza della condivisione dei compiti e dei momenti di relax, della gratitudine e della creazione di ricordi condivisi in un posto in cui ti puoi sentire davvero in pace con te stesso.

Come realizzare tutto questo?

Nella nuova casa ricava uno spazio per fermarti e rilassarti, dove dedicarti a qualcosa che ti piace, come leggere o ascoltare musica. Questo angolo potrà comprendere una poltrona e una lampada specifica per la lettura, magari vicino alla finestra.

Avere una piccola oasi di pace, ti permetterà anche di affrontare la confusione legata al trasloco, in maniera più zen.

 

 

Rendi l’ambiente accogliente da subito, curando i dettagli. Ad esempio scegli un tavolo rotondo in cui tutti possano stare comodi, e organizza una cena in compagnia per inaugurare la tua nuova casa.

Potrai anche rivisitare i mobili che hai già adattandoli allo stile scandinavo, dipingendoli in colori chiari oppure giocando sull’accostamento tra il nuovo e il vintage. Questa tipologia di design punta sull’essenziale e quindi, riprendendo il principio secondo cui less is more, utilizza pochi elementi curati e alleggerisci lo spazio.

 

 

I colori nello stile scandinavo

I toni calmi del bianco e del grigio, con tocchi di beige, dominano gli interni in stile scandinavo. Questo schema di colori è diventato un segno che contraddistingue lo stile dagli altri rendendolo unico ed elegante. Il minimalismo scandinavo include, però, anche altre tinte, particolarmente preferite da alcuni designer, che irrompono nelle stanze creando dei contrasti. Che siano delle piastrelle colorate o un accessorio, come un cuscino o un tappeto, i colori entrano nelle stanze minimaliste portando con loro la luce. Come scegliere il colore giusto?

 

 

Il colore dell’anno secondo Pantone, il Greenery, viene abbinato dalla stessa azienda leader della grafica e colore alle tonalità neutre e calme che troviamo nello stile scandinavo, come il Rose Quartz o il Nimbus Cloud, o un celeste pallido chiamato Serenity. Tutti colori che ci avvicinano alle tonalità della natura intorno a noi e ci donano un senso di tranquillità

 

Il Greenery entra in casa anche con le piante da interni, come delle piccole palme o piante grasse che si abbinano perfettamente allo stile minimalista scandinavo, soprattutto se si scelgono elementi d’arredo in legno bianco o chiaro.

 

 

Un altro colore che troviamo quest’anno nel design di interni è il blu, soprattutto per divani o cuscini in velluto, che danno quel tocco originale ad ogni stanza, oppure sulle pareti: un’idea facile realizzare nelle nostre case.

 

 

In abbinamento a questo colore troviamo piastrelle di marmo chiare, che donano un effetto di contrasto, perfette per delle stanze come la cucina o il bagno. Anche in questo caso, possiamo realizzare la nostra stanza facilmente, chiamando un’impresa per installare le piastrelle e pitturando una parete con il nostro colore preferito.

 

 

 

Ispirazioni in shabby e vintage scandinavo

in questi anni ho scritto in lungo e largo sul design nordico, allo scopo di studiare, approfondire, ispirare…sfogliando i post passati riguardanti la storia e le radici del design scandinavo mi è un pò venuta voglia di riproporveli perchè credo sia una bella carrellata di informazioni per chi vuole saperne di più su questo amatissimo stile

inizio da “Caratteristiche e origini del Design nordico moderno” dove faccio un pò il punto di come si sia formato ed evoluto il concetto di design scandinavo moderno… passando per “Danord, arredamento d’epoca scandinavo e pezzi unici d’autore” dove faccio un approfondimento storico e una bella carrellata di designer e pezzi che rimarranno per sempre nella storia di questo stile…. infine “Tutti i volti dell’arredamento Scandinavo” dove parlo delle sfumature stilistiche dell’arredamento nordico, dal total white ai più moderni colori pastello

con tutte queste informazioni storiche non potevo non andare alla ricerca di ispirazioni vintage e del più moderno stile “shabby” che riprende l’idea di un vintage sciupato, vissuto…e tra lunghe navigazioni sul web mi imbatto in una realtà nuova ai miei occhi, dal 2010 sul mercato a selezionare e produrre mobili di qualità in stile vintage: pib

“Nobiltà dei materiali, finiture, cura della patina”…parole che fanno da slogan a trasmettere un senso di qualità attraverso una collezione selezionata e armoniosa

lo stile vintage viene declinato in diverse sfumature, ben organizzate nel sito, divise per gamma: industriale, vintage e shabby

lo stile industriale è un classico dell’arredamento vintage. Ispirato all’arredamento tipico delle fabbriche e delle officine di fine XIX secolo, dove il metallo si fonde al legno solido e la pelle fa da base a poltrone e divani

 

Libreria a muro Harlem

Mobile TV Ontario Grande

Tavolo da Pranzo Grenelle

Sedia Butto

lo stile vintage scandinavo, ispirato alle linee tipiche degli anni 40 e 60, dalle forme intramontabili di classici mobili che si sono progressivamente imposti come icone dello stile nordico

Comodino in legno Balkis

Lampada a sospensione Balissö

Mobile Console Stockholm

 

infine la gamma shabby chic ispirata allo stile di cottage e case di campagna inglesi. L’arredamento dallo stile antico,  il legno grezzo e patinato donano al design un tocco rustico e pieno di fascino

 

Mensola con appendini Melina

Piccola Panchina Alouette

Ripiano Vizzanova

 

il sito “pib” è moderno, funzionale e ben strutturato in varie sezioni: novità, tavoli, lampade, armadi, decorazioni, poltrone e sedie. Particolarmente attratto da quest’ultima sezione vi mostro una selezione di poltrone vintage che vorrei assolutamente avere nel mio living!

 

Poltrona vintage Northern

Poltrona Mabillon

Poltrona vintage Orchestra